11/10/2017

Mimmo Mele, il grande dono della famiglia: donati gli organi

L’ultimo atto di Mimmo Mele, deceduto a Lecce, è stato quello della famiglia di donare gli organi dell’ex parlamentare brindisino. Un gesto che permetterà ad altre persone in difficoltà di continuare a vivere grazie a questo dono.

Il Gruppo Comunale Aido “Marco Bungaro” di Brindisi, con un comunicato ha voluto porgere ufficialmente la propria attestazione di stima, rispetto e vicinanza alla famiglia che, in un momento  così difficile e delicato, ha acconsentito alla donazione degli organi del congiunto; un gesto capace di trasformare il momento di dolore più grande in speranza di vita per gli altri.

A nome della presidenza, del direttivo e di tutti i volontari impegnati giornalmente a diffondere le corrette informazioni sull’importanza della donazione come valore sociale e come opportunità per salvare la vita a chi non ha altre possibilità di sopravvivenza, intende così sottolineare come questa famiglia abbia compiuto in un momento così drammatico una scelta così umanitaria.

La delegazione brindisina, sottolinea come in casi delicati come questi, dove la scelta per la donazione degli organi deve avvenire, per motivi medici, nelle ore successive al decesso, per i famigliari di un potenziale donatore di organi che in vita non si sia mai espresso o non abbia mai avuto modo di affrontare l’argomento, possa risultare difficoltoso scegliere in prima persona mentre ancora si piange la perdita di un proprio caro, presso il Comune di Brindisi ed altri Comuni della provincia sia attiva “UNA SCELTA IN COMUNE”,  la campagna di promozione per la donazione di organi, tessuti e cellule, per la quale ogni cittadino può  comunicare il proprio assenso o diniego alla donazione di organi, tessuti e cellule tramite l’Ufficio Anagrafe al momento del rilascio o rinnovo della SOLA carta d’identità elettronica.

Per i cittadini che abitino in comuni non ancora attrezzati per questo è comunque possibile sottoscrivere la propria dichiarazione di volontà sulla donazione presso le ASL o delegazioni Aido più vicine che provvederanno poi a segnalarle per la registrazione al  SIT – Sistema Informativo Trapianti, per essere inserita nella lista delle dichiarazioni, riferibile alla trascrizione nel micro-chip della CIE – Carta d’Identità Elettronica, della volontà favorevole del cittadino alla donazione.

“Una scelta in comune” è il frutto di un accordo di collaborazione tra ANCI e CNT – Centro Nazionale Trapianti su sollecitazione del Ministero per la Salute, di concerto e in sintonia con la mission dell’ A.I.D.O. –  Associazione Italiana per Donazione di Organi, Tessuti e Cellule. Il personale dell’Ufficio Anagrafe, formato appositamente e quindi ufficialmente preposto a raccogliere la volontà dei cittadini in ambito di donazione di organi, tessuti e cellule, fornisce ai richiedenti un modulo da compilare che permetterà poi agli impiegati di inserire appunto i nominativi all’interno del database nazionale automatizzato.

 

Fonte: in puglia.net

 

Non ci sono ancora commenti, Ma puoi inserire il primo



Lascia un commento



Cerca nel sito

Copyright © 2015 - Un progetto del Centro Nazionale Trapianti - Una produzione Think2it