10/11/2017

Un “calcolatore” di sopravvivenza per il rene trapiantato

Ashby VB, Leichtman AB, Rees MA, Kalbfleisch JD, et al. A Kidney Graft Survival Calculator that Accounts for Mismatches in Age, Sex, HLA, and Body Size. Clin J Am Soc Nephrol 2017 Jun  [Epub ahead of print]

I risultati dei trapianti da donatori indipendenti sono particolarmente interessanti nei programmi di donazione cross-over (KPD) ovvero altruistica, in cui gli scambi possono essere organizzati tra coppie di donatori e riceventi incompatibili.

Ora un nuovo calcolatore sembra fornire informazioni molto utili ai donatori, ai riceventi e ai medici sulla stima dei risultati e, potenzialmente, potrebbe consentire non solo di scegliere il meglio tra diversi donatori viventi, ma anche informare i candidati con donatori compatibili sull’opportunità di unirsi a un programma KPD.

Utilizzando i dati del Registro Scientifico dei Trapianti, i ricercatori del Department of Biostatistics, University of Michigan hanno analizzato 232.705 pazienti sottoposti a trapianto di rene (da vivente e da cadavere) dal 1998 al 2012, per sviluppare un calcolatore che, incorporando alcuni parametri dei donatori e dei riceventi, fornisce stime di previsioni della sopravvivenza del trapianto a cinque e dieci anni.

Tali parametri includono età, razza, sesso, gruppo sanguigno, indice di massa corporea (BMI), rapporto di peso donatore-ricevente, HLA non corrispondenza e tempo dialitico del ricevente.

I dati, analizzati con il modello di regressione Cox a rischio proporzionale e adeguati per l’anno di trapianto, ha permesso loro di evidenziare che le discordanze tra donatore e ricevente nel genere, peso, dimensione corporea e genotipo HLA, sono correlati agli esiti stessi dei trapianti.

In particolare i trapianti di rene da donatore maschio a ricevente maschio hanno avuto tassi d’insuccesso inferiori, meglio di quelli da femmina a maschio (indice di rischio dal 5% al 13%).

La mancata corrispondenza di HLA è risultata importante in tutti i trapianti.

L’obesità sia del ricevente (indice di rischio 8% -18%), sia del donatore (5% -11%) è stata associata a una perdita maggiore del graft, mentre i rapporti di peso donatore ricevente con discrepanze del  75% rispetto ai trapianti in cui entrambe le parti erano di peso simile, hanno fatto registrare indici di rischio più elevati (9% -12% di rischio di fallimento in più).

In sintesi, lo studio sostiene che se il donatore e il ricevente sono incompatibili, è sempre utile considerare l’accesso a un programma KPD. Ma anche nei casi in cui il donatore e il candidato sono compatibili, potrebbe essere un potenziale vantaggio per il ricevente entrare in un programma di donazione e trapianto cross-over e offrire ulteriori opportunità anche ad altri candidati.

Il calcolatore di sopravvivenza del trapianto di rene è disponibile online all’indirizzo http://bit.ly/2sAgN3f, e può essere utilizzato per generare stime d’insuccesso o di sopravvivenza del graft per qualsiasi numero di combinazioni donatore-ricevente.

 

N.B. Le news sono un riassunto fedele dell’articolo originale e non riflettono la posizione ufficiale del CNT

 

Non ci sono ancora commenti, Ma puoi inserire il primo



Lascia un commento



Cerca nel sito

Copyright © 2015 - Un progetto del Centro Nazionale Trapianti - Una produzione Think2it