30/03/2018

Poca attenzione alle lesioni cancerose dei genitali nei trapiantati

Nadhan KS, Larijani M, Abbott J, Chung CL, et al. Prevalence and Types of Genital Lesions in Organ Transplant Recipients. JAMA Dermatol 2018 Jan 31. doi: 10.1001/jamadermatol.2017.5801. [Epub ahead of print]

Le lesioni genitali associate al carcinoma a cellule squamose e ad altri tumori genitali cutanei maligni sono comuni tra i pazienti trapiantati d’organo ma la consapevolezza dei pazienti è preoccupatamente bassa.

Lo sostengono i ricercatori della Drexel University di Philadelphia, in questo studio pubblicato recentemente su JAMA Dermatology.

Il dottor Chung e colleghi hanno esaminato i dati di 496 pazienti trapiantati d’organo sottoposti a un esame completo della pelle presso il centro di dermatologia di Drexel.

La revisione è stata divisa in due periodi: prima e seconda era, ossia, prima e dopo aver adottato misure di miglioramento della qualità dei controlli allo scopo di garantire che fosse condotto un esame completo e approfondito dei genitali.

Trecentosettantasei pazienti (età media 60 anni, 65% uomini, 44% bianchi) sono stati valutati durante il primo periodo e 120 pazienti (età media 56 anni, 63% uomini, 25% bianchi) nel secondo periodo.

La maggior parte dei casi era rappresentata da trapianti di rene (71% nella prima era e 82% nella seconda).

Nella coorte della prima era sono state diagnosticate cinque lesioni cutanee in situ in altrettanti pazienti neri e nessuna lesione cancerosa cutanea nei genitale dei pazienti bianchi.

In altri 5 pazienti è stata fatta una diagnosi di condilomi acuminati e dei 4 soggetti maschili interessati, 3 erano neri.

Nella coorte della seconda era, 111 pazienti hanno negato di avere notato una qualsiasi lesione genitale. Tuttavia, a un esame approfondito sono state trovate lesioni cancerose in 53 pazienti, di cui: carcinoma basocellulare (6 casi); carcinoma a cellule squamose in situ (9 casi); condiloma (29 casi); lesioni da HPV ad alto rischio (9 casi).

Nel 57% dei casi si trattava di pazienti neri. Inoltre, il 67% dei carcinomi a cellule squamose è risultato positivo per l’HPV ad alto rischio.

A seguito di tali risultati gli autori fanno alcune raccomandazioni.

“In primo luogo, i team dei trapianti e i dermatologi devono riconoscere la necessità di uno screening specifico per il cancro della pelle dopo il trapianto”.

“In secondo luogo i programmi di trapianto dovrebbero sostenere la creazione di programmi dermatologici che combinino un approccio medico-chirurgico alla gestione del tumore cutaneo post-trapianto con particolare attenzione alla prevenzione, alla diagnosi precoce e all’intervento immediato”.

Infine, i trapiantatori e i dermatologi devono lavorare in modo collaborativo per sviluppare protocolli di screening e di educazione sia per i pazienti sia per i curanti sul tema dei tumori cutanei genitali dopo il trapianto”.

“Chiedere semplicemente ai pazienti sottoposti a trapianto d’organo se hanno lesioni genitali è insufficiente per lo screening e tutti i trapiantati, in particolare i maschi neri, dovrebbero sottoporsi a un’accurata ispezione della pelle genitale come parte integrante del follow-up, visto che sono colpiti in modo sproporzionato da tumori cutanei maligni ai genitali”, commenta Christina Lee Chung della Drexel University di Philadelphia.

D’altra parte lo studio evidenzia chiaramente che la maggior parte dei pazienti non aveva cognizione delle lesioni ai proprie genitali, c’è quindi anche la necessità di una maggiore consapevolezza sul ruolo dell’autoispezione da parte di pazienti.

L’ultima considerazione riguarda i tassi di vaccinazione HPV nella popolazione generale e in quella di colore in particolare che, secondo gli autori, è un problema di salute pubblica che deve essere affrontato in modo sistematico, valutando anche l’utilità della vaccinazione HPV pre-trapianto.

N.B. Le news sono un riassunto fedele dell’articolo originale e non riflettono la posizione ufficiale del CNT

 

 

Non ci sono ancora commenti, Ma puoi inserire il primo



Lascia un commento



Cerca nel sito

Copyright © 2015 - Un progetto del Centro Nazionale Trapianti - Una produzione Think2it