28/06/2018

I vantaggi immunologici del trapianto fegato-rene in simultanea

Taner T, Gustafson MP, Hansen MJ, Stegall MD, et al. Donor-specific hypo-responsiveness occurs in simultaneous liver-kidney transplant recipients after the first year. Kidney Int. 2018 Apr 12. [Epub ahead of print]

Secondo uno studio pubblicato recentemente online su Kidney International le cellule del sangue periferico dei riceventi trapiantati di fegato-rene in simultanea presentano caratteristiche fenotipiche e funzionali uniche che sono associate a una minore alloresponsività specifica verso i donatori.

Timucin Taner e i colleghi della Mayo Clinic di Rochester del Minnesota, hanno misurato l’alloresponsività e i fenotipi specifici dei donatori nelle cellule del sangue periferico dei riceventi dopo il primo anno dal trapianto per caratterizzare la risposta alloimmune dell’ospite in 28 pazienti sottoposti a trapianto simultaneo di fegato e rene.

I valori sono stati confrontati con quelli di 61 riceventi immunosoppressi trapiantati di rene solitario e di altri 31 pazienti trapiantati di fegato.

I ricercatori hanno osservato che, rispetto ai riceventi trapiantati di rene solitario, quelli trapiantati di fegato-rene in simultanea avevano una frequenza complessiva più bassa di cellule T CD8+ circolanti, CD4+ attivate e cellule T di memoria effettrici, nonostante una significativa sovrapposizione.

Inoltre, rispetto ai riceventi del rene solitario, le cellule T dei riceventi trapianti di fegato-rene in simultanea avevano una risposta proliferativa significativamente inferiore alle cellule del donatore (11,9 vs 42,9%), e una frequenza significativamente più bassa di cellule T alloreattive produttrici di interferone gamma rispetto ai riceventi di trapianto di rene solitario.

La citometria a flusso delle colture miste ha anche dimostrato che entrambi i comparti CD4+ e CD8+ alloreattivi dei globuli rossi circolanti nei riceventi il trapianto di fegato-rene simultaneo erano più piccoli.

Secondo gli autori lo studio dimostrerebbe che le caratteristiche fenotipiche e funzionali delle cellule del sangue dei pazienti trapiantati di fegato-rene in simultanea, sembrano essere associate a una ipo-alloresponsività specifica verso i donatori.

In buona sostanza i pazienti sottoposti a trapianto simultaneo di fegato e rene incorrono in una minore lesione immuno-mediata e mantengono una funzione migliore rispetto ai trapianti di rene solitario.

 

N.B. Le news sono un riassunto fedele dell’articolo originale e non riflettono la posizione ufficiale del CNT

 

Non ci sono ancora commenti, Ma puoi inserire il primo



Lascia un commento



Cerca nel sito

Copyright © 2015 - Un progetto del Centro Nazionale Trapianti - Una produzione Think2it